Webinar gratuito

Ecco come la nostra mente ci frega

27 ottobre alle 14:30 CEST

Registrati ora
image/svg+xml image/svg+xml image/svg+xmlimage/svg+xmlimage/svg+xml fb-white-10x14fb-10x14ok-white-10x19ok-10x19twitter-white-18x14twitter-18x14vk-white-16x11vk

Negli ultimi 20 anni, la tecnologia ha trasformato il posto di lavoro, rendendoci più mobili e digitalizzati. Ma con più modi di fornire la formazione agli studenti, può essere difficile scoprire quale metodo funzionerà meglio.

È giusto sostituire un insegnante con un computer? I workshop dal vivo sono davvero efficaci? Queste sono buone domande, ma prima di iniziare a considerare i pro e i contro di ogni specifico modo di divulgare la conoscenza agli studenti, dovrete decidere su una cosa importante – il tipo di apprendimento che avrete e la sua interazione – formazione sincrona o asincrona.

Formazione sincrona

Esaminiamo la definizione del termine “L’apprendimento sincrono”.

L’apprendimento sincrono è un’attività di formazione in cui tutti gli studenti partecipano simultaneamente.

Può avvenire sia online che offline; in entrambi i casi, è altamente legato al tempo. Tu, come docente, hai bisogno di pianificare e annunciare attentamente le sessioni di insegnamento. Allo stesso tempo, i tuoi studenti devono prenotare una specifica fascia oraria nei loro programmi per partecipare, fisicamente o virtualmente.

Esempi di apprendimento sincrono tradizionale

L’apprendimento sincrono tradizionale ha tipicamente gli studenti che si riuniscono, partecipano e fanno esperienza pratica in un ambiente faccia a faccia con un insegnante e hanno interazione tra di loro. Due dei formati sincroni più comuni sono: sessioni di lezioni dal vivo e coaching sul lavoro.

1. Sessioni in aula dal vivo

Lezioni, conferenze e laboratori. Se sei mai stato a scuola, sai come può essere. In un ambiente aziendale, c’è un formatore o un tutor invece di un insegnante, ma tutto il resto è più o meno lo stesso.

L’efficacia di una lezione sincrona dipende direttamente dalla personalità di un formatore.

2. Coaching sul lavoro

Il coaching sul lavoro è un esempio di “imparare svolgendo”, che fornisce agli allievi un’esperienza pratica in un ambiente di lavoro e permette loro di affrontare i compiti reali che dovranno affrontare nel loro lavoro. Spesso non c’è un docente formale, poiché i colleghi esperti sono incaricati di prendere i nuovi arrivati sotto la loro guida.

Un dipendente anziano, o un mentore, aiuta una matricola a svolgere un lavoro

specifico proprio sul posto di lavoro.

Esempi di apprendimento sincrono online

La differenza principale tra l’apprendimento sincrono e asincrono è l’impostazione. Con la modalità asincrono, formatori e studenti sono in luoghi diversi e si incontrano nell’ambiente virtuale con l’aiuto di computer, dispositivi mobili e strumenti software specifici e non hanno un’interazione fisica. Le sessioni online possono essere ospitate come un webinar, una classe basata sul web o uno streaming dal vivo.

3. Classi basate sul web

Questo formato è quasi lo stesso della formazione in aula, con l’eccezione che i partecipanti non sono fisicamente presenti nella stessa stanza. Tuttavia, gli insegnanti e gli studenti da remoto hanno una interazione libera tra loro chiedendo e rispondendo alle domande, condividendo i materiali di apprendimento e dimostrando come fare vari compiti.

Per sapere come creare e gestire con successo classi basate sul web, leggi il nostro post sulla formazione in classe virtuale.

Una riunione web su Zoom

4. Webinar

In un tipico webinar, solo un formatore ha il diritto di parlare; gli studenti usano la chat di testo per inviare le loro domande, dare feedback e avere interazione tra di loro e con il docente. Quindi, è spesso più di una lezione con un esperto in cui possono essere inclusi screencast, diapositive, sondaggi e feedback via chat.

Una sessione di webinar

Una sessione di webinar

5. Live stream

Questo è l’approccio più informale di questa lista, poiché l’apprendimento avviene al di fuori dell’orario di lezione ed entra in un ambiente dove le persone comunicano e si divertono – i social media. Pensate a Facebook Live, Instagram Stories, YouTube Live streaming, o Twitch. Con l’aiuto di questi servizi, gli studenti possono guardare esperti che fanno il loro lavoro in tempo reale. E non solo guardare, ma anche avere qualche interazione come commentare, mettere “mi piace” o persino donare del denaro.

Una sessione di live stream su Twitch

Bob Ross, un artista con il canale d’arte #1 più visto su Twitch, ha oltre 2.000 spettatori delle

sue maratone d’arte del fine settimana

Avrete bisogno di alcuni strumenti software per condurre la formazione sincrona online. A seconda del formato scelto, questi potrebbero essere:

  • Un sistema di gestione dell’apprendimento che ha una funzione di web-meeting (ad esempio, iSpring Learn LMS con la sua integrazione Zoom)
  • Un software di video chat di gruppo (per esempio, Skype)
  • Una piattaforma di videoconferenza (es. Zoom, GoToMeeting)
  • Una piattaforma per webinar (es. GoToWebinar, WebinarNinja)
  • Un software di classe virtuale (ad esempio, WizIQ, VEDAMO)

Pro

  • Gli studenti possono avere una interazione con un istruttore e con altri studenti: fare domande, discutere le idee e collaborare.
  • Il feedback immediato del pubblico permette all’insegnante di fare aggiustamenti al volo.

Contro

  • I costi organizzativi (comprese le spese di viaggio e l’organizzazione delle strutture) sono di solito significativi.
  • Tutti i partecipanti devono assentarsi dal lavoro.
  • L’efficacia dipende fortemente dalla personalità dell’insegnante.

Formazione asincrona

Cosa significa attività asincrona in FaD?

L’apprendimento asincrono è un tipo di formazione in cui gli studenti accedono ai contenuti di apprendimento, fanno valutazioni e hanno interazione tra di loro.

Non devono essere nella stessa aula fisica o nello stesso spazio di apprendimento online allo stesso tempo per studiare. Può anche non esserci un formatore in contatto.

La flessibilità dei tempi, tuttavia, non significa andare a vuoto e perdere la disciplina. La modalità asincrona può avere scadenze rigide. Fornendo la libertà di scegliere l’approccio all’apprendimento e il tempo per farlo, l’apprendimento asincrono spesso richiede il risultato (corso completato, punteggio, stato, ecc.) prima di una certa data.

iSpring Learn

I docenti della formazione asincrona non controllano la routine quotidiana dei loro studenti, ma di solito guardano da vicino le scadenze.

Esempi di apprendimento asincrono

Avendo lasciato nel passato i corsi per corrispondenza, l’apprendimento asincrono oggi avviene per lo più in un formato digitale.

1. eLearning

L’ eLearning è il tipo più avanzato di apprendimento asincrono. Essendo un programma di formazione basato sul computer o sul web, di solito richiede una piattaforma di apprendimento dove i docenti caricano il contenuto della formazione, e dove gli studenti si registrano per vedere ciò che è stato loro assegnato.

L’uso di tali piattaforme di apprendimento ha un vantaggio innegabile: il processo di apprendimento può essere automatizzato, almeno in una certa misura. Per esempio, è possibile creare un programma di apprendimento in cui uno studente sblocca alcuni contenuti solo dopo aver completato le unità precedenti. Oppure, la piattaforma può gestire automaticamente le scadenze, così come inviare promemoria a coloro che sono in ritardo.

Usare un LMS è il modo più conveniente per gestire l’apprendimento basato sul web.

Inoltre, avrete bisogno di uno strumento di authoring per creare corsi eLearning per riempire la piattaforma con contenuti di alta qualità: corsi elettronici interattivi, valutazioni e lezioni video.

Per quanto riguarda il costo, devi essere pronto per alcuni investimenti quando lanci l’eLearning. Per riferimento, un bundle contenente iSpring Learn LMS e lo strumento di authoring iSpring Suite vi costerà fino a 900 euro al mese per 300 studenti attivi (che sono 3 euro per utente, di gran lunga non il prezzo più alto sul mercato). Eppure, per alcune aziende, comprare una piattaforma per l’eLearning e uno strumento di authoring può sembrare troppo costoso, ma questo è, forse, l’unico modo per ottenere il massimo dalla formazione asincrona.

2. Corsi e-mail

Un corso tramite e-mail è solo una sequenza di e-mail che coprono un certo argomento. Ogni email è una lezione, e tutte insieme formano un corso.

Oltre a scrivere contenuti per ogni lezione di un corso, devi anche pensare a due cose:

  • Come raccoglierai gli indirizzi e-mail dei tuoi studenti?
  • Come consegnerai la formazione nella loro e-mail?

Per prima cosa, avrete bisogno di un database di mailing-list. Se hai intenzione di formare i tuoi dipendenti, probabilmente hai già le loro email di lavoro o puoi facilmente ottenerle da intranet o dalle risorse umane. Altrimenti, avrai bisogno di un sito web con un modulo di iscrizione.Se non ce l’hai ancora, puoi esplorare servizi online per la creazione di siti web senza codice come Tilda o Readymag.

Per quanto riguarda il secondo, non raccomandiamo nemmeno di provare a inviare ogni email manualmente così come l’invio di email di massa. Queste sono cattive idee, fidati di noi. Quello di cui avrai bisogno è un servizio di email marketing (dai un’occhiata a Mailchimp o GetResponse). Un tale servizio ti permetterà di automatizzare l’intero processo e anche di monitorare le prestazioni e creare contenuti migliori man mano che vai avanti.

Creare un corso via e-mail è un modo economico per mostrare la tua esperienza.

Certo, non tutti gli argomenti possono essere completamente coperti o insegnati da zero per mezzo dell’e-mail. Non sarete in grado di consegnare compiti interattivi direttamente nella casella di posta elettronica, poiché i corsi via e-mail consistono per lo più di materiale sotto forma di testo. Ma quello che è uno svantaggio per uno, può essere un vantaggio per altri. I corsi via e-mail possono essere una buona scelta se stai cercando un’alternativa economica all’eLearning completo e non hai bisogno di notifiche e suoni.

3. Video di formazione

Come abbiamo già detto, l’uso di un sistema di gestione dell’apprendimento è spesso il modo più conveniente per gestire i contenuti della formazione, compresi i video di formazione. Allo stesso tempo, puoi semplicemente caricare le tue lezioni video su YouTube e condividere il link con tutti quelli a cui lo ritieni utile.

I DVD di training sono ancora popolari. Anche questo è una sorta di formazione asincrona.

4. Blog, wikipedia e altre letture

Un wiki è una risorsa web creata, supportata e aggiornata da più utenti. L’esempio più famoso è Wikipedia, la più grande enciclopedia digitale del mondo. Allo stesso tempo, molte aziende hanno i loro wiki interni che servono come base di conoscenza in campi particolari.

Un wiki su come fare, beh, qualsiasi cosa

  • A differenza dei wiki, a cui tutti possono contribuire, di solito c’è un team editoriale che lavora su un blog. Per l’ispirazione, date un’occhiata a Open, il fantastico blog interno di Buffer.In didattica, il problema principale che spesso si verifica per questo tipo di lezione asincrona, è il basso coinvolgimento degli utenti, poca interazione,  quindi è meglio conoscere le risposte a queste domande prima di iniziare:
  • Gli utenti saranno disposti a contribuire?
  • Perché qualcuno dovrebbe leggere gli articoli del blog o del wiki?
  • Come attirerò l’attenzione sul contenuto?

Pro

  • L’apprendimento asincrono è adatto ai diversi stili di apprendimento.
  • Gli studenti possono studiare quando e dove è più comodo per loro.
  • Il contenuto della formazione è riutilizzabile.

Contro

  • Per alcuni tipi di contenuto (ad esempio le video conferenze), è difficile fare anche i più piccoli cambiamenti.
  • Può venir meno la comunicazione dal vivo e il feedback individuale.

Come scegliere un metodo di consegna?

Dal vivo o virtuale, sincrono o asincrono, sul posto di lavoro o in classe, (uno-a-uno o uno-a-molti o molti-a-uno) , faccia a faccia virtualmente , è tutto uguale in termini di apprendimento. Iniziare con l’allievo

Harold D. Stolovitch and Erica J. Keeps,
Telling Ain’t Training

Quando si pianifica un programma di formazione, la consegna è un aspetto importante che dovrebbe essere considerato come uno degli ultimi passi, e non è una coincidenza. Nel momento in cui avete analizzato i vostri bisogni e obiettivi di formazione e avete imparato a fondo il pubblico di destinazione, dovreste avere una forte idea di come la formazione raggiungerà le masse.

Un budget limitato e i vincoli di tempo probabilmente taglieranno fuori opzioni costose come le simulazioni VR. Gli orari di lavoro flessibili o la natura remota di alcuni lavori sembrano essere una buona ragione per l’eLearning; la necessità di insegnare mestieri pratici suggerisce che non si può fare a meno di adottare la formazione sul lavoro.

Ecco una lista di domande chiave che vi aiuteranno a decidere il metodo:

  • Quali sono gli obiettivi di formazione del programma? (L’obiettivo “imparare l’arte di parlare in pubblico” richiederà sicuramente una sessione dal vivo, mentre “padroneggiare Excel” va bene con un corso eLearning).
  • Cosa devi insegnare? (Richiede discussioni? Feedback in tempo reale? Pratica manuale?)
  • Chi sono i tuoi studenti? (Si trovano nello stesso ufficio? Possono partecipare ad eventi dal vivo? Cosa serve loro per trovare il tempo nella loro agenda per la formazione?)
  • Quanti allievi hai? (Qual è il costo per allievo per i diversi metodi di consegna?)
  • Qual è il tuo budget?
  • Quali risorse avete per lo sviluppo? (Svilupperete internamente o assumerete un’azienda terza? Se in-house, di quali competenze dispone il vostro team di formatori)?
  • Quanto tempo avete a disposizione per creare contenuti? (È un piano realistico con il budget e le risorse che avete?)
  • Quando devono essere formati i dipendenti? (Se la risposta è “domani”, non hai tempo per creare un video corso ad alto valore di produzione, anche se è una soluzione ottimale per questo caso).

Considerazioni finali

Le persone sono diverse, le aziende sono diverse, e la formazione è diversa; non c’è da stupirsi che ci siano molti modi per raggiungere i vostri studenti. Scegliere quello giusto è un’impresa ardua, ed è per questo che non può essere un compito a sé stante trattato in modo isolato dall’intero processo di sviluppo del programma di formazione. Quale metodo di formazione funziona per te – formazione sincrona o asincrona? Condividi la tua esperienza nei commenti qui sotto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

iSpring Learn
Formazione asincrona e sincrona con LMS di iSpring
Per saperne di più
 

Inizia a creare corsi online in modo facile e veloce